Il 61% degli uomini single teme il ritorno in spiaggia


Manca poco più di un mese all’arrivo dell’estate, eppure i preparativi per apparire in forma sulle coste italiane sono iniziati da tempo. Tra chi tenta la dieta ferrea dell’ultimo minuto e chi, invece, si chiude in palestra, non ci sono solo le donne, ma anche e soprattutto gli uomini single.
Secondo il tour operator per single Speed Vacanze, il 61% degli appartenenti al sesso forte dichiara, infatti, di “tremare”  di fronte all’appuntamento con il costume da bagno. A preoccupare è sia la pancetta accumulata durante l’inverno che il colorito pallido della propria pelle.
“Gli uomini single sono spesso molto preoccupati per la forma fisica da sfoggiare al mare, durante le vacanze. Chi è libero, infatti, ha molte aspettative di nuove conoscenze durante i viaggi ed è, di conseguenza, più attento a dare una prima buona impressione, cercando di valorizzare al massimo la propria esteriorità” spiega Giuseppe Gambardella, fondatore di Speed Vacanze e Speed Date, società che si occupa dell’organizzazione di eventi per single.
Così come per le donne esistono i cosiddetti “punti critici”, quali glutei, addome e gambe, anche gli uomini hanno stilato una mappa delle loro zone deboli, fonti di preoccupazioni più o meno sentite durante la passerella in spiaggia.
Al primo posto compare la pancia che suscita ansia e disagio per il 21% degli spiriti liberi di sesso maschile. Il 19%, invece, è preoccupato dai fianchi e dalla presenza delle maniglie dell’amore. La medaglia di bronzo spetta invece alla pelle: il 18%, infatti, afferma che il timore della prova costume è determinato per lo più dal proprio antiestetico colorito bianchiccio.
“Le forme abbondanti costituiscono la prima fonte di preoccupazione per gli uomini single che intendono allargare la propria cerchia di amicizie, durante le vacanze al mare. Tuttavia, posso dire che, in base alle nostra esperienza di vacanze e crociere per single, anche chi è un po’ fuori forma, ma ha comunque un rapporto sereno con il proprio corpo, riesce facilmente a risultare piacente e a socializzare. Il problema si presenta nel caso in cui non si convive in armonia con il proprio aspetto fisico” spiega Giuseppe Gambardella.
Tuttavia non sempre chi ha un fisico asciutto è immune dall’imbarazzo. Una buona parte degli uomini, infatti, teme la prova costume più per insufficienza di muscoli che per l’eccesso di grasso. Il 16%, infatti, è preoccupato dalla mancanza di pettorali scolpiti, il 15%  dall’assenza di polpacci torniti e l’11% si vergogna delle proprie braccia flaccide e poco attraenti.
“Se da una parte la mancata accettazione del proprio aspetto esteriore genera dei problemi nei rapporti con gli altri, allo stesso modo una ricerca eccessiva della perfezione estetica  è sinonimo di superficialità ed allontana nuovi potenziali amici e compagni di viaggio. Per questo è fondamentale raggiungere un buon equilibrio psicofisico: in questo senso può essere utile una corretta alimentazione, accompagnata all’attività sportiva e alla vita all’aria aperta” conclude Gambardella.