Scova il partner in 200 secondi

Appena tre minuti a disposizione per sapere tutto della persona seduta di fronte Si diffonde anche a Roma la moda dello «speed date», serate per chi cerca l’anima gemella di ALESSANDRO MONTE

 

UN LOCALE alla moda, tanti single e pochi istanti per trovare l'anima gemella. Questo è lo «speed-dating», il nuovo gioco dei single che sta conquistando Roma. Mercoledì scorso l'appuntamento è stato al Barbar di via Ovidio 17 e noi abbiamo preso parte al gioco. A darci il benvenuto il proprietario del locale, Antonio Flamini, entusiasta di ospitare un evento di questo tipo. «Nel nostro lounge - afferma Flamini - diamo ampio spazio a ogni tipo di evento culturale e spesso ospitiamo anche sfilate di moda e presentazioni di libri».

Alle ore 21 arrivano i primi partecipanti, che si avvicinano timidamente al posto di accoglienza. «Io mi occupo delle donne. Controllo le prenotazioni effettuate via internet, attribuisco un numero identificativo a ogni ragazza, consegnando anche una scheda di gradimento, una penna e un foglio. Poi le faccio accomodare al tavolo dove trascorreranno il resto della serata» spiega Martin, 35 anni, collaboratore della società organizzatrice.

Ad accogliere gli uomini è Sabina, giovane avvocatessa di successo che ha deciso di dare una mano per la buona riuscita della serata. Chi sono i partecipanti? «Persone molto diverse tra loro - risponde Sabina - e anche qualche turista. Tutti si sentono a loro agio e perfino i timidi diventano intraprendenti».
Alle 22 il gioco comincia. È Giuseppe Gambardella, l'inventore dello «speed-date» romano a dare il fischio d'inizio. Ed ecco che i partecipanti - 20 uomini e 20 donne - rompono il ghiaccio, seduti l'uno di fronte all'altra. Ognuno è contrassegnato da un numero affinchè il partner del momento possa esprimere il proprio gradimento sulla scheda. Un «sì» o un «no» per ogni incontro. Si possono anche prendere appunti su un'apposita scheda, ma trascorso il tempo a disposizione - 200 secondi - Giuseppe fischia nuovamente e il gioco deve fermarsi. Ogni uomo deve cambiare postazione per fare un nuovo incontro.

La maggior parte dei presenti partecipa al «gioco» per la prima volta. Ma c'è anche chi lo ha già sperimentato, come Emanuela, 34 anni. «Il mercoledì di solito vado al cinema, ma queste serate sono molto più divertenti» dice Emanuela. Come è il tuo partner ideale? «Affettuoso e caliente».

«Io cerco il classico maschio latino, mediterraneo, generoso, affettuoso e passionale. Ma non mi aspetto di trovarlo facilmente» racconta Maria, un'altra partecipante. Ti iscriverai ancora a serate di questo tipo? «Non lo so, dipende dai risultati di questa sera. Comunque sono quì per divertirmi». Le domande più ricorrenti? Lavoro, età, hobby. Questo è ciò che più interessa sia gli uomini che le donne. Ma le ragazze sono più curiose e vogliono anche sapere il segno zodiacale e il colore preferito dai loro potenziali partner. La maggior parte di loro vuole soprattutto fare nuove amicizie, poi se sono rose fioriranno! «Mi sono iscritta allo speed-date per conoscere gente» spiega Daniela. Il mio partner ideale? «Divertente, un uomo che sa far ridere è il massimo». Ma c'è anche chi il suo uomo lo vuole «bello, ricco e intelligente».