Una ricetta per il Carnevale

05 Feb 2015 Curiosita' m.pucello

Gli arancini dolci

Cari amici single, il Carnevale è alle porte e noi siamo qui per proporvi una ricetta prettamente festosa: gli arancini. Non si tratta però di quelli salati che tutti conoscono, ma di veri e propri dolcetti dal profumo inebriante di arance. Non preoccupatevi, la preparazione non è particolarmente complessa. Basta solo fare un po’ di attenzione ai vari procedimenti e alle dosi.

arancini_cioccolato-653x360

Ingredienti:

2 uova

600gr di farina

200gr + 60g di zucchero

50gr di burro

25gr di lievito di birra

Olio per friggere

250 ml di latte

La buccia grattugiata di 3 arance

Disponete in una ciotola 200gr di zucchero e la buccia grattugiata delle 3 arance. Mettete da parte il burro e fatelo ammorbidire. Nel mentre fate intiepidire il latte e scioglietevi il lievito di birra. Successivamente disponete sul tavolo la farina a fontana e con i restanti 60gr di zucchero, le uova, il latte con il lievito di birra e il burro ammorbidito preparate la pasta. Impastate fino ad ottenere un composto omogeneo, formateci una palla e fatelo lievitare in frigo per un paio d’ore, dentro un recipiente infarinato. Più tardi prendete un mattarello e con esso stendete la pasta, cercando di ottenere uno spessore di circa mezzo centimetro. Coprite la sfoglia con il mix di scorza grattugiata e zucchero, arrotolandola su se stessa e cercando di creare un rotolo molto stretto. Tagliate il rotolo a fettine di circa 1cm l’una e fatele riposare su un piano per circa mezz’ora. In seguito friggete gli arancini, pochi alla volta, in abbondante olio caldo e, dopo averli ben girati da ambo i lati, toglieteli dalla padella scolandoli su della carta paglia o carta da pane. Una volta cotti tutti, cospargete gli arancini a piacere con le codette di zucchero colorate. Se volete rendere più leggeri questi dolci, potete cuocerli nel forno a 180° per 20 minuti. Se preferite, al posto della scorza di arance, potete usare quella del limone.

Commenti

Non ci sono commenti a questo articolo.×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *