I cocktail dell’estate 2014: trionfa il Mojito

05 Lug 2014 Curiosita' PialauraM

Prevalgono i drink cubani proposti per happy hour o dopo cena

Con l’arrivo dell’estate quale migliore occasione di gustarsi un buon cocktail freddo. Alcuni tra questi ritornano come un leitmotiv, altri rappresentano delle vere e proprie novità. Daiquiri, Spritz, Mojito, Bacardi cocktail, Cosmopolitan, Moscow Mule, Cuba Libre, Tequila Sunrise, sono drink che possono essere assaporati durante un happy hour o un dopo cena. Tra gusti tropicali e internazionali a trionfare sono però sempre i cocktail classici e tradizionali. Di seguito i must have dell’estate 2014:

Il Mojito rappresenta il cocktail più cool per l’estate 2014, molto amato soprattutto tra i giovani. E’ un drink cubano senza tempo: dissetante e versatile può essere servito sia durante un aperitivo, sia per un dopo cena.  Un vero e proprio must!

mojito cocktail and fresh ingredients in a tropical landscape

mojito cocktail and fresh ingredients in a tropical landscape

Lo Spritz molto amato dagli italiani durante gli aperitivi, rispecchia la frizzantezza e la freschezza  dei gusti che lo compongono: dallo spumante all’acqua minerale. Il suo colore arancione rallegrerà le serate e gli happy hour.

spritz

Il Cosmopolitan cocktail nato a Miami, è il preferito delle donne. Quale miglior drink per parlare di vicende sentimentali tra amiche? Racchiude il giusto mix tra il gusto tropicale della frutta e il sapore alcolico della vodka.

cosmopolitan-cocktail-il-cocktail-di-sex-and-city_0

Il Moscow Mule considerato il must have estate 2013, arriva nel 2014 un gradino sotto il podio. La vodka Smirnoff con aggiunta di lime e aromi, donano freschezza e rendono questo drink hollywoodiano unico.

Cold Moscow Mules - Ginger Beer, lime and Vodka on bar

Cold Moscow Mules – Ginger Beer, lime and Vodka on bar

Il Daiquiri è un cocktail cubano, dove gli ingredienti principali creano un connubio tra l’esotico e il tropicale rendendo questo drink intramontabile!

daiquiri

Commenti

Non ci sono commenti a questo articolo.×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *