Diario di una crociera Anti San Valentino

16 Apr 2014 Diari PialauraM

I tour leader Veronica e Walter ci raccontano la loro avventura

Potremmo narrarvi mille aneddoti nei sette giorni passati in compagnia di un gruppo fantastico ma, purtroppo o per fortuna, alcune emozioni sono irraccontabili. Di conseguenza siamo quasi contenti che potrà ricordarle solo chi le ha vissute. Una cosa però è certa: è stata un’avventura nel vero senso della parola. Azione, thriller, romantica, comica, surreale, al pari di film che vincono una carrellata pazzesca di oscar o viceversa, di quelli talmente assurdi che non ne vincono neanche uno ma tutti se li ricordano dopo averli visti una volta sola.

Tanti sono stati i momenti vissuti all’insegna di “Speed” ma quello più esilarante, e che rimarrà nella memoria dei nostri viaggi, è uno: ore 4:00 del mattino, due giorni dopo avremmo dovuto trascorrere l’intera giornata in navigazione. Help! Cosa fare per tenere uniti a bordo 41 persone nonostante le mille attrazioni di una nave a cinque stelle con una capienza di 4000 ospiti di tutte le nazionalità ed etnie? Ovvio, le speediadi! Idea fantastica anche se, realizzare tutto ciò su di una città galleggiante non esclusivamente dedicata a noi si è rivelato un po’ più complicato di quello che pensavamo. Ma orami l’idea ci aveva talmente stuzzicato l’appetito che avevamo una fame da lupi e così ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo tirato fuori (sottofondo delle trombe che squillano solennemente) le prime SPEEDIADI DELLA STORIA!

Le squadre si sono formate spontaneamente e sicuramente qualcuno si aspettava vere e proprie gare sportive o quiz psedo-simpatici. Invece si sono cimentati in prove molto simili alle candid camera che spesso si guardano in tv. Risultato finale? Ad un certo punto c’era mezzo personale della nave sconvolto da un’ondata di gente intenta ad abbracciare e a fare foto dell’avvenuto abbraccio motivandole come prova. Gli ospiti molto riservati, a dir poco chic, che si rilassavano nella hall della nave, hanno assistito ad un vero e proprio frozen mob. Non ci giureremo, ma è molto probabile che sia stato il primo frozen mob realizzato sulla MSC Splendida. A proposito cos’è il frozen mob? È un momento in cui, mentre tutti stanno facendo qualsiasi cosa di normale come chiacchierare, degustare un buon caffè o leggere un buon libro, si trovano nel mezzo di un museo di statue umane che fino a poco prima sembravano persone normali. Insomma è stato rotto uno schema, quello della routine, quello delle solite cose nei soliti posti, ed è stato creato qualcosa di magico, tra loro, tra loro e noi, tra noi e il mondo circostante. A prova di questo, quando ci siamo ritrovati sugli scalini per scendere dalla nave e salutarci, in molti di noi hanno provato la stessa sensazione provata da Denny, il protagonista de “La leggenda del pianista sull’oceano”. Nessuno voleva abbandonare la nave, quella che, anche se per pochi giorni, è stata più di una casa, più di una famiglia, più di una magica avventura.

Dopo 8 giorni di crociera splendida, 11 ore complessive di sonno, 41 nuovi amici, 5 denunce per aver ribaltato la nave, 1000 sorrisi nel cuore, lacrime di gioia, 5 escursioni con accompagnatori folli, 8 chili di cannoli siciliani, 2 chili di cous cous, 175 foto complessive di abbracci all’equipaggio…  Non ci vedo più dalla fame! Volevo sottolineare che è stato un onore collaborare con un professionista e scambiare 1000 risate insieme.

MA SOPRATTUTTO VOLEVO RINGRAZIARE VOI, SENZA I QUALI QUESTA SETTIMANA NON AVREBBE AVUTO SENSO…

Veronica e Walter.

Commenti

Non ci sono commenti a questo articolo.×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *